Carrello City Card
Totale

Sulle tracce di Rembrandt

Amsterdam è famosa per le sue gallerie d’arte e per essere la culla di alcuni tra i grandi maestri dell’arte olandese. Rembrandt van Rijn è uno dei pittori olandesi più famosi al mondo. Ma chi era Rembrandt? Perchè è così apprezzato e dove possono essere trovati i suoi lavori ad Amsterdam?

Rembrandt

Rembrandt nasce e trascorre parte della sua vita a Leiden, si trasferisce ad Amsterdam intorno al 1631 quando aveva una ventina d’anni – già da qualche anno aveva concluso il suo apprendistato. Rembrandt probabilmente viaggiava frequentemente tra Leiden ed Amsterdam per fare i ritratti che gli venivano commissionati – Amsterdam era considerato il centro più importante e ricco del paese. Ecco probabilmente perchè decise di stabilirsi in questa città definitivamente. Qui Rembrandt incontrò sua moglie Saskia e qui nacque suo figlio Titus, legando quindi ancora di più, il pittore alla città.

La casa di Rembrandt

Nel gennaio 1639 Rembrandt comprò una casa a Breestraat (ora chiamata Jodenbreestraat). La casa è oggi diventata un museo chiamato Rembrandt’s House Museum. Lì potrete vedere com’erano l’abitazione e lo studio del pittore. I curatori si sono impegnati in modo particolare, per farli tornare esattamente com’erano nel 17° secolo. Questo è stato possibile – per la maggior parte – grazie ai disegni ritrovati proprio nell’abitazione di Rembrandt ma anche grazie ad un inventario compilato dall’artista nel 1656, periodo in cui dichiarò bancarotta. Il museo di Rembrandt ha anche una collezione permanente di lavori incisi dal pittore con la tecnica dell’acquaforte.

Rijksmuseum

Per molti Rembrandt è il più grande pittore dell’Età d’oro olandese. Nei suoi lavori sapeva racchiudere luci e ombre con grande maestria. Era anche considerato un grande progettista ed incisore. I lavori di Rembrandt possono essere trovati in diverse gallerie importanti in giro per il mondo. La più grande collezione su questo artista si trova al Rijksmuseum di Amsterdam. Tra i lavori ci sono De Nachtwacht (Guardia notturna) e Het Joodse Bruidje (La sposa ebrea). Una curiosità: De Nachtwacht fu dipinta al primo piano dell’odierno NH Doelen Hotel, il più vecchio albergo di Amsterdam.

Rembrandtplein

Rembrandtplein (piazza Rembrandt) era prima conosciuta come Botermarkt (mercato del burro) e fu creata nel 1668. Al giorno d’oggi è uno dei centri più popolati della città e luogo colmo di hotel, club e cafè. In alto, a vigilare sui passanti c’è una statua in ferro di Rembrandt, ritratto per intero in una posa casuale. Ai suoi piedi c’erano i personaggi disegnati dall’artista nel suo lavoro più famoso: Guardia notturna (De Nachtwacht). Questa scena era stata ricreata da un artista russo, che occupò la piazza con 22 bronzi riproducenti i soggetti del quadro. L’istallazione rimase lì per un certo periodo, ma le spese d’acquisto e mantenimento si rivelarono troppo onerose per la città.

Altre tracce di Rembrandt ad Amsterdam

La moglie di Rembrandt, Saskia van Uylenburgh morì nel 1642, la sua pietra tombale può essere vista sul pavimento della Oude Kerk di Amsterdam. Rembrandt in realtà, vendette il sepolcro di Saskia nel 1662 per poter pagare la sepoltura di Hendrickje Stoffels – sua compagna di lungo corso. Per risolvere i problemi di debiti dopo la sua bancarotta, Rembrandt lavorò per Hendrickje e per suo figlio Titus, in una casa modesta affittata al numero 184 di Rozengracht ad Amsterdam. Fu qui che morì il 4 ottobre 1669 ma quella casa oggi non esiste più.


Amsterdam vanta 22 lavori di Rembrandt ed ha un legame speciale con questo grande maestro. Segui le tracce di Rembrandt in città.