Carrello City Card
Totale

Il Nord e la zona del Waterfront

Situato al di là dello specchio d’acqua (noto come “Ij”) alle spalle della Stazione Centrale, il quartiere Amsterdam Noord unisce il meglio di due mondi contrastanti: da una parte, grandi distesi di verde e piccoli villaggi, dall’altra alcuni degli edifici cittadini più all’avanguardia, festival emozionanti, atelier di artisti e luoghi di ritrovo alla moda con terrazze mozzafiato sull’acqua. In pochi minuti, un traghetto gratuito in partenza dal retro della Stazione Centrale vi porterà qui: un’occasione imperdibile per esplorare quest’area unica di Amsterdam.

Informazioni su questo sito è in inglese.

In traghetto verso Amsterdam Nord

Se stai visitando Amsterdam, è probabile che la visita inizi dal lato sud del fiume IJ – per esempio, alla Stazione Centrale di Amsterdam. Per iniziare ad esplorare la zona di Amsterdam Nord (conosciuta localmente come Noord) sali a bordo di uno dei traghetti gratuiti della compagnia di trasporto pubblico GVB all'uscita della stazione che dà sul porto (segui le indicazioni per 'Noord'). I traghetti pubblici per pedoni, biciclette e ciclomotori sono molto frequenti e partono a distanza di pochi minuti l’uno dall’altro, di giorno e di notte (meno frequentemente).

La storia dell’altra riva

Quello che noi oggi conosciamo come Amsterdam Nord (Noord) in passato serviva come spazio per l'estrazione della torba. Ufficialmente parte di Amsterdam dal 1393, funzionò come stazione di pedaggio per il passaggio delle navi. Alla fine del XIX secolo la richiesta di terreni per l'industria pesante della città determinò lo sviluppo verso il Nord. E poiché i lavoratori di queste industrie necessitavano di abitazioni, nel borgo furono costruite alloggi per gli operai. A ciò seguirono le woonscholen pre-belliche ("scuole di vita") per riformare le cosiddette famiglie "antisociali" e un eccesso di edilizia sociale.

Trasformazione in hub creativo

Negli ultimi anni, con la dismissione delle fabbriche di industria pesante dell’area, il Nord è diventato un hub creativo animato da collettivi artistici e aziende giovani come MTV, IDTV e Red Bull, tutte attirate dagli edifici e dagli hangar riconvertiti. Tanti nuovi ristoranti, bar, alberghi e negozi hanno seguito l'esempio, scegliendo di insediarsi lungo il lato soleggiato del porto, rivolti all’IJ. Un'altra delle mete dei traghetti GVB è il molo NDSM. Cantiere navale fino al 1980, oggi ospita negli imponenti capannoni dismessi studi di artisti, iniziative di giovani creativi, eventi e uffici davvero cool.

Eccellenze culturali, architettoniche e culinarie

Quasi proprio di fronte alla Stazione Centrale si staglia in tutto il suo splendore futuristico l’EYE Filmuseum. Contemporaneamente cinema, museo e archivio filmico, è un luogo davvero sorprendente; nonostante la recente apertura nella primavera del 2012, l’edificio è già diventato una delle icone moderne di Amsterdam. Poco distante, si trova il Tolhuistuin, un’altra chicca culturale da non perdere: ristorante, locale di musica dal vivo e molto altro ancora. La vicina e incredibile torre A’DAM, in corso di riqualificazione, è un ulteriore gioiello dell’area. I piani saranno occupati, a partire dal 2015, da bar, ristoranti, discoteche e società emergenti del settore musicale.

Chic rurale

Anche se in apparente contrasto con l’atmosfera all’avanguardia della zona, gli splendidi vicini villaggi sono ideali per una gita a piedi, in bicicletta o via acqua. Gli storici Nieuwendam, Ransdorp e Zunderdorp vantano autentiche stolpboerderijen (le tradizionali fattorie olandesi con tetti simili a forme di formaggio), case di legno, chiuse sul canale e viste mozzafiato sui polder.

Gli sviluppi del porto e della zona del Waterfront

Il Nord è ancora in fermento e la zona portuale dell’IJ lungo la riva meridionale è in fase di rinnovamento. Tra le attrazioni chiave, figurano la spettacolare sala da concerti Muziekgebouw aan ’t IJ, la sala jazz Bimhuis e numerosi pakhuizen, in passato magazzini in mattoni destinati alle merci importate, e oggi riconvertiti in abitazioni, uffici e luoghi di ritrovo culturali.